Training on learning disabilities

for parents and teachers.

New strategies and methodologies

and ICT contribution.

2015-1-ES01-KA201-015806

Definizioni e Segnali

Il Disturbo di apprendimento non verbale (NVLD) sembra essere il risultato di una alterazione delle funzioni cognitive legate a disfunzioni dell’emisfero destro. Si caratterizza per la concomitanza di difficoltà nelle abilità sociali, nel rendimento scolastico, per basse abilità visuo-spaziali e goffaggine. È stato descritto nel 1971 da Johnson et al, dall'osservazione dei bambini le cui principali caratteristiche sono: incapacità di comprendere il significato del contesto sociale, scarsa capacità sia per l'apprendimento scolastico e difficoltà di apprendimento non verbale. Difficoltà nell’interpretazione di gesti, di espressioni facciali e di altri elementi di comunicazione non verbale. È stato legato alla disfunzione nell'emisfero destro (R.H.) per la sovrapposizione di dei sintomi a quelli che si riscontrano negli adulti con lesioni R.H. L'autore più completo nel campo della NVLD è Rourke et al. (1994), che ha definito i criteri diagnostici e ha suggerito una disfunzione relativa ai collegamenti dell'emisfero destro.

Segnali

In generale, i segnali di difficoltà di apprendimento non verbale sono principalmente:

  • Difficoltà nelle attività che richiedono coordinazione psicomotoria.
  • Orientamento nello spazio.
  • Scarse capacità di visualizzazione.
  • Scarsa percezione visiva e capacità di pensiero visivo.
  • Mancanza di comprensione degli aspetti non verbali della comunicazione e difficoltà nelle interazioni con i pari.
  • Disturbi emotivi.

Queste difficoltà sono concentrate in tre aree:

  1. area motoria (mancanza di coordinamento, scarsa comportamento esplorativo, problemi di equilibrio gravi e difficoltà nelle abilità grafo-motorie.
  2. visivo-spaziale-organizzazione: percezione tattile e visiva, attenzione, memoria tattile e visiva (mancanza di un immagine complessiva, scarsa memoria visiva, percezione spaziale difficoltosa e difficoltà nelle relazioni spaziali)
  3. sociale: (mancanza di capacità nel comprendere le comunicazioni non verbali, difficoltà nel far fronte alle nuove situazioni, mancanza di giudizio e di interazione sociale).

Vedi tabella che segue:

Caratteristiche comuni nel NLD:

Dr. David Dinklage afferma che vi è sovrapposizione di caratteristiche tra Disturbo di Asperger (AD) e difficoltà di apprendimento non verbale (NVLD), da un punto di vista comportamentale e da una prospettiva neuropsicologica.

Gli studi condotti dal gruppo di Yale Child- affermano che fino al 80% dei bambini che soddisfano i criteri per l'AD ha anche NVLD. Mentre non ci sono studi sulla sovrapposizione nella direzione opposta.

Per questi motivi diventa fondamentale un accurato percorso diagnostico con attenzione alle diagnosi differenziali.

Molti scienziati sostengono che le difficoltà di apprendimento non verbale hanno una base neurologica. Ad esempio, Sue Thompson afferma che "storie dello sviluppo hanno rivelato che un certo numero di bambini affetti da disturbi di apprendimento non verbale, che sono venuti all'attenzione clinici, hanno, a un certo momento nelle prime fasi del loro sviluppo: (1) subito da un moderato a grave trauma cranico, (2 ) ricevuto trattamenti radioterapici ripetuti sopra o vicino le loro teste per un periodo prolungato di tempo, (3) assenza congenita del corpo calloso, (4) sono stati trattati per idrocefalo, o (5) o rimozione del tessuto cerebrale dall’emisfero destro. "

Le capacità verbali sono in genere ben sviluppate nella prima infanzia: ampio vocabolario, buone capacità di parlare. Alcuni bambini spesso iniziano a leggere molto presto. I genitori e gli educatori potrebbe pensare questo è un segno di “talento”. Tuttavia quando il bambino cresce il suo linguaggio rimane troppo concreto, troppo letterale e si sperimentano difficoltà nel capire le metafore, l'argomento principale il significato complessivo del testo.

Il bambino con difficoltà di apprendimento non verbale ha le notevoli difficoltà di adattamento alle richieste del contesto e crescendo appaiono i problemi di apprendimento più gravi. Questo provoca confusione interiore e il comportamento potrebbe essere simile a quello da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Il bambino può porre domande "fuori contesto", perché la comprensione del contesto è la sua difficoltà, o potrebbe avere difficoltà connesse alla mancanza di coordinamento psicomotorio e cattivo orientamento nello spazio.

Di solito i bambini con difficoltà di apprendimento non verbale cercando di soddisfare le richieste dei loro educatori in modo molto serio, lavorano duramente e possono, di conseguenza, andare in stress, innervosirsi e abbandonare il compito. Le difficoltà di apprendimento. Non verbale colpiscono quindi l'intera personalità. Per qualche scienziato è considerato un disturbo dello sviluppo, non solo una disabilità di apprendimento.

Visite agli articoli
332084